La storia di mamma Rosa - Profezie On Line

Logo
Vai ai contenuti
Veggenti > San Damiano
Rosa Quattrini

La storia di mamma Rosa

Per nove anni, Rosa faceva la spola tra la sua casa e gli ospedali, perché le sue piaghe non si rimarginavano. Il 24 settembre 1961 si decise di rimandarla a casa raccomandandola alle cure della zia Adele. Umanamente parlando, era finita. Per colmo di sventura, Giuseppe, il marito, doveva essere operato per ernia. La cartella clinica di Mamma Rosa si trova all’ospedale di Piacenza.
Mamma Rosa, da cinque giorni, era ritornata dall’ospedale. Il 29 settembre 1961, festa di San Michele Arcangelo, sul mezzogiorno, una Donna sconosciuta entrò in casa Quattrini. Vestiva il costume della Regione: gonna e blusa di vari colori, un grembiule nero e, sul capo, un fazzoletto azzurro.

La zia Adele dice che la Signora sconosciuta le chiese mille lire per offrire un cero alla cappella di Padre Pio poiché Padre Pio é alla distanza di circa ottocento chilometri da San Damiano. Ma ciò non turba la zia Adele che ha ben altro, motivo per declinare la sollecitazione : in quel momento, in casa, si hanno, in tutto e per tutto, mille lire imprestate! Inoltre, il marito é ammalato e Rosa lo é ancor più. La bella straniera insiste, con tanto garbo, che la zia Adele le dà cinquecento lire. Lei accetta e chiede di vedere l’ammalata che giace nella camera accanto. La zia ve la conduce.

La straniera prende la mano di Mamma Rosa e le dice : “Su, alzati!” – Non posso! risponde la povera inferma. – Dammi la mano ! Alzati! – Non posso ! – Dammi anche l’altra mano, ordina la Signora. Mamma Rosa la porge – Alzati! ripete la Signora. E Mamma Rosa si alza avvertendo un benessere improvviso ed eccezionale. Riconosce allora la Celeste Visitatrice che le fa segno di tacere. Suona mezzogiorno: “Recitiamo l’Angelus” ordina la Signora. Poi aggiunge cinque Pater, Ave e Gloria secondo le intenzioni di Padre Pio, in onore delle cinque Piaghe di Nostro Signore. Durante questo tempo, Ella tocca con le Sue Mani le piaghe di Rosa ed esse si chiudono immediatamente. Poi ordina a Rosa di recarsi da Padre Pio: – Non ho denaro né abiti, obietta Rosa. – Avrai quanto ti occorre. – E la Signora se ne va. Intanto Giuseppe era andato a raccogliere castagne per assicurare ai suoi i mezzi per sfamarsi durante il suo soggiorno all’ospedale. Qualche giorno dopo, Rosa riceveva dalla cassa di beneficenza di Padre Pio il denaro per il viaggio e trova nella “casina”, o rimessa, due abiti da contadina esattamente della sua misura, senza cenno di provenienza.
Nella primavera del 1962 Mamma Rosa va a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, all’estremità sud dell’Italia.

Questo paese, dove allora viveva Padre Pio deceduto il 23 settembre 1968, si trova ai piedi del monte Gargano, dove apparve San Michele Arcangelo.
Il sabato mattina, mentre recitava il Rosario con una compagna, sulla piazza della Chiesa Mamma Rosa avverte una chiamata improvvisa :
“Rosa ! Rosa!”
Si gira e vede la Signora dal fazzoletto azzurro :
" Mi conosci?"  chiede la Signora.
Si, risponde Rosa, voi siete la Madonna, che non ha voluto che lo dicessi.
"Io sono la Madre della Consolazione e degli afflitti. Dillo, dunque, a San Damiano e al professore che non ha voluto credere alla tua guarigione. Dopo la Messa, ci troveremo presso la Sacra Mensa e Io ti accompagnerò da Padre Pio."
Cosi fu. Giunte da Padre Pio, la Signora scompare senza lasciare alcuna traccia.

Padre Pio ne ha vedute altre. Senza alterarsi per un tale intervento e per tale scomparsa, egli riceve Mamma Rosa e le ingiunge di andare ad assistere, sopra tutto spiritualmente, gli ammalati, per due anni. Si immagina la perplessità della povera contadina. Ritornata a casa obbedendo all’ordine ricevuto, si presenta all’ospedale di Piacenza, dove viene ricevuta senza alcuna difficoltà. Vi rimane un po’ meno di due anni perché la zia Adele si ammala e reclama la presenza della nipote. Rosa scrive a Padre Pio, che le permette di ritornare a casa. Cura sua zia ed essa guarisce.

Il 16 ottobre 1964, mentre Mamma Rosa recitava l’Angelus del mezzogiorno, senti dall’esterno una voce che la chiamava:
“vieni! vieni, ti aspetto!”
Siccome Rosa esitava, chiedendosi se si trattasse di un’illusione, la voce si fece sentire una seconda volta :
” Vieni! Vieni qui, ti aspetto!“.
Allora diffidente, chiedendosi se fosse il demonio che le giocasse qualche tiro, Rosa usci tenendo in mano la sua corona: vede in cielo una nube d’oro e d’argento circondata da molte stelle e da rose di svariati  colori. Dalla nube, ecco uscire una specie di sfera rossa e posarsi su un piccolo pero, vicino alla casa. Ne esce la Santissima Vergine, circonfusa di viva luce.
Mamma Rosa racconta quanto segue :

Mi ha detto:
“Figliola mia, io vengo da tanto lontano. Annuncia a tutto il mondo che tutti devono pregare, perché Gesù non può più reggere la croce. lo vi voglio tutti salvi, tutti, i buoni come i cattivi. lo sono la Madre dell’amore, la Mamma di tutti, siete tutti miei figli, tutti vi voglio salvi. Perciò sono venuta ad avvertire il mondo di pregare perché i castighi sono vicini. E io qui tornerò ogni venerdì e ti darò dei messaggi e tu devi annunciarli al mondo.”

Allora Le ho detto:
Ma come possono credere a me che sono una povera contadina ignorante? lo non ho forza abbastanza, mi metteranno in prigione!

E Lei mi ha risposto:
"Ti crederanno perché io adesso, quando partirò, ti darò un segno. Vedrai. Queste piante fioriranno."

Così la Madre Celeste se ne è andata e il pero, che aveva già i frutti sui rami…fiorì improvvisamente e abbondantemente.

Il giorno dopo fiorì anche un ramo del susino che sorge accanto al pero; il ramo che Lei aveva sfiorato. Per tre settimane, migliaia di persone poterono ammirare i due alberi in fiore, nonostante le abbondanti piogge autunnali. Inoltre, il pero fiorito era ancora carico di pere (una cesta e mezzo) che la zia Adele raccolse dopo.
In seguito, tutti i venerdì, a mezzogiorno, e in ogni giorno delle feste Mariane, la Madre di Dio appare a Mamma Rosa. I Messaggi che si succedono, di settimana in settimana, sono sovente accompagnati da fenomeni inesplicabili, come quello del sole che ruota su se stesso.

Mamma Rosa, interrogata sul perché dell’apparizione della Madonna, dice:

“… La Madonna viene con amore per convertire, in questo luogo.  In questo luogo l’ha mandata l’Eterno Padre, è stata proprio mandata dal Padre in questo luogo, perché Lei ha chiesto prima di tutto la conversione della Chiesa e poi del mondo intero. Allora il Padre Eterno ha dato il permesso di venire in questo luogo, per convertire, per dare la fede, per dare l’amore, la carità, per pregare col rosario, per la  salvezza di tutti i suoi figli della terra… La Madonna non chiede altro che il trionfo della Chiesa. Perché quando c’è il trionfo della Chiesa c’è anche il trionfo del mondo, perché è la Chiesa che deve salvare il mondo con l’aiuto della Mamma, sì, Lei è la Madre della Chiesa.”

La Madonna in alcuni messaggi spiega il significato di TRIONFO:
“Vengo a portarvi il trionfo, vengo a portarvi la gioia e l’amore…” e “Voglio che il mio Cuore Addolorato trionfi nei cuori, trionfi la pace, trionfi l’amore.”
Dunque, nell’accezione più profonda, ‘trionfo’ significa la pienezza della Vita Divina, amore e gioia.
Created with WebSite X5
(c) 2012 Devis Dazzani
Privacy Policy
Torna ai contenuti