Suor Anna Ali,Appelli divini dal 41 al 52 - Profezie On Line

Logo
Vai ai contenuti
Veggenti > Suor Anna Ali > Appelli divini
Appello Divino n. 41
Ore 3.30 del 23 novembre 1987

"La preghiera e la penitenza di oggi devo essere incrementate".

"Figlia Mia, ascoltami e scrivi tutto.
È per il bene delle anime.
Il mondo attuale è peggio di Ninive quando, tramite Giona, ho minacciato l'umanità di mandare la punizione che meritava.
Con questo, intendo dire che oggi la penitenza e la preghiera devono essere maggiori di allora.
Siano maledetti coloro che non detestano sinceramente le proprie colpe!
Devono sapere che la luce splende nel buio.
Parlo con le lacrime nel cuore.
Figlia Mia, offri le tue sofferenze personali per l'umanità.
Io voglio che tu sia universale.
Lascia da parte le tue preoccupazioni.
Non perdere questo tempo prezioso.
Voglio che tu ti abbandoni a Me totalmente.
Ho bisogno della tua semplicità e del tuo distacco dalle cose del mondo per poter trasformare la tua anima".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 42
Ore 3.00 del 24 ottobre 1987

"Coloro che celebrano le messe nere mi attaccano...la testa si Satana sarà schiacciata".

"Figlia Mia, il Mio cuore è addolorato per ciò che sta succedendo a...Il Rosso Lucifero è lì con...Il Mio cuore ha sempre provato amarezza per questo.
Prega per...È circondato da massoni che vogliono la sua morte.
Prega molto e placa la collera di Dio.
Condividi il Mio spirito.
Io sono agonizzante per le anime.
Nel Mio Sacramento d'amore vengo insultato e condannato dai Miei.
Ognuno di loro ha fatto la sua parte per distruggerMi.
Coloro che celebrano le messe nere Mi hanno attaccato.
Si sono uniti alle schiere di Satana, allontanandosi dalla verità e dall'amore.
Per questo motivo scoppierà una cruenta battaglia.
Alla fine la testa di Satana sarà schiacciata e il male perirà.
Prega e non perdere neanche un minuto.
Ti sto incitando a fare ciò che ti chiedo in fretta".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 42/a
Ore 3.30 del 24 novembre 1987

"Il Mio dolore è immenso. Prega molto per la Chiesa".

"Figlia Mia, ascolta attentamente ciò che ti dico.
I tempi richiedono un'azione immediata.
Il Mio dolore è immenso.
L'umanità non si è resa conto del flagello che la minaccia.
Sono atei.
Molti non Mi conoscono.
I Miei consacrati stessi Mi rinnegano, Mi insultano e Mi calpestano.
È urgente, espia e prega di più. Io ti amo e tu devi obbedire alla Mia afflitta chiamata.
Prega molto per la Chiesa.
Questi sono tempi di una violenza inaudita.
Alla fine, la terra cadrà sul terreno di un'aspra battaglia.
Grandi offese ricadranno su...
Dall'oceano della Mia pietà chiamo tutti ad ascoltare la Mia voce, a convertirsi e a tornare al Mio cuore.
Voglio salvare tutti.
Le Mie mani sono ricolme di grazie.
Cerca di pregare con fede.
Io ascolto tutti e amo tutti.
Come posso salvare l'umanità se non Mi ascolta?
Voglio che tornino a Me.
Devono guardarsi attorno, vedere le tenebre e l'odio che li avvolgono e pentirsi, tornare al Mio ovile, alla verità e alla luce.
È giunto il momento di salvare le anime.
Se l'umanità non si pente, la terra si aprirà sotto i suoi piedi e non ci sarà pietà.
Parlerò con voce di giudice.
Bisogna offrire più  preghiere per placare la collera del Mio Eterno Padre.
L'umanità si muove velocemente con furore diabolico".

"Sii forte nel Mio nome.
Rimani sempre di più con Me nel Sacramento del Mio amore.
Sii un tabernacolo vivente perché Io possa essere esposto.
Amo la Mia opera".
"Ti benedico con il Mio infinito amore".

Appello Divino n. 43
Ore 3.00 del 25novembre 1987

"La Mia presenza viene rifiutata e insultata".

"Figlia Mia, rimani a trascorrere questo tempo con Me.
ConcediMi la tua compagnia, implora pietà e prega per placare la collera del Padre Eterno.
Nel Sacramento del Mio amore, i Miei consacrati Mi hanno insultato e sputano su di Me.
Ti prego di conservarMi nel tuo cuore.
In queste ore buie, sono così solo, pieno d'amore e di misericordia, attendo di abbracciare tutti coloro che vengono a Me.
I Miei...Mi dimenticano.
Il maligno li sta usando per distruggere il Santo sacrificio della Messa.
La Mia presenza viene rifiutata e insultata".

"Vengo ogni giorno sempre più disprezzato e dimenticato.
Figlia Mia, in queste ore buie non dormire e veglia con Me.
Nella Mia pietà, Io non dormo mai.
Con lacrime di dolore, alzo il velo sacramentale di molti tabernacoli e non vedo nessuno.
Dopo aver guardato i Miei ministri che celebrano, chino la testa e i Miei occhi si riempiono di lacrime.
Quando vigilo per tutta l'umanità sono così oppresso.
Piango lacrime di sangue nel vedere...che adorano Satana.
In quale altro modo avrei potuto provare meglio il Mio amore per l'umanità se non salvandola?
Ho sofferto per la salvezza del genere umano.
Cos'altro avrei dovuto fare per completare il Mio sacrificio per la salvezza dell'umanità?".

"Figlia Mia, vengo a mendicare le tue preghiere e la tua espiazione per le offese contro il Padre Eterno.
Seguimi fino ad immolarti totalmente.
Porta la tua croce, soffri per amore Mio e perdona.
Con le tue preghiere aprirai la porta a molte anime perdute, specialmente...che non fanno altro che disturbare la Mia presenza nel Mio sacramento d'amore".

"Mi addolorano con il tradimento e la loro infamia, con molti peccati. Ecco la vera apocalisse!
Questi sono giorni bui!
Il Padre Eterno è misericordioso, ma l'umanità ha perso i suoi valori, è come drogata e senza Dio.
Le anime sono schierate dalla parte di Satana.
Tutti i grandi propositi maligni sono nelle mani della massoneria.
Si sono messi d'accordo per attaccare la Mia presenza e la Chiesa.
Satana marcia trionfante fra le loro fila".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 44
Ore 3.30 del 3 dicembre 1987

"Il paganesimo trionfa. Il diavolo sta facendo di tutto per abolire il Santo Sacrificio della Messa".

"Figlia Mia, prega molto e veglia con me.
Non aver paura.
Voglio erigere un altare nel tuo cuore.
Non stancarti mai di pregare.
Fai ciò che ti chiedo senza domandare come e perché.
Io mi prenderò cura di tutto. Voglio che tu ascolti ciò che ti  dico.
Ti prego di non stancarti mai di vegliare con Me.
Il paganesimo trionfa.
Il diavolo sta facendo di tutto per abolire il Santo Sacrificio della Messa.
Io chiamo tutti a  ritornare al Mio amore.
Benedico la Mia opera e Mi rivelerò in molti  modi, voglio che l'umanità sia salvata e che nessuno sia condannato per i suoi errori.
Nessuno va all'inferno senza il proprio consenso.
Molte anime, fin dalla loro infanzia, vanno verso la perdizione  per colpa dei loro genitori che non vogliono saperne dell'esistenza del Padre Eterno.
Ecco, queste sono le anime che Io convertirò attraverso le preghiere dei fedeli.
Il demonio inganna le anime.
Si sta muovendo anche all'interno della Mia Chiesa, lusingando tutti con le sue bugie.
Tramite le preghiere e l'espiazione, molti di loro raggiungeranno la Mia pietà attraverso il Mio potere e la mia protezione, mentre coloro che si rifiutano periranno in un mare di fuoco.
In verità, Io non deluderò nessuno di coloro che tiene chiuso il Mio nome nel suo cuore".

"Prega senza sosta.
Mettiti nelle condizioni mentali più favorevoli alla contemplazione perché l'ora del terribile abbandono è vicina".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 45
Ore 2.30 del 4 dicembre 1987

"Il mondo è una catena di scandali una palude di fuoco".

"Figlia Mia, ascolta ciò che ti dico.
È attraverso i messaggi, che il Mio Eterno Padre si degna di salvare il mondo nei momenti difficili.
Guarda, sono venuto a cercare la pecorella smarrita per mezzo dei messaggi.
Il mondo è una catena di scandali, una palude di fuoco.
Sarà alla mercé delle più dure prove della giustizia divina.
Fin da molto tempo fa, ho avvertito l'umanità in molteplici modi.
Con Mio grande dolore essi continuano sulla via della perdizione.
Il Mio cuore trabocca di pietà.
L'umanità deve fare penitenza.
Vengono pronunciate ancora molte maledizioni e bestemmie a proposito della Mia presenza nel Sacramento del Mio amore...consacrati Mi insultano e stanno operando instancabilmente contro di Me per abolire la Mia presenza.
Tu sei uno strumento nelle Mie mani.
Uso te perché ti ho scelta.
AscoltaMi ed Io ti guiderò".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 46
5 dicembre 1987

"Queste ore rappresentano le ore difficili in cui il diavolo fa ogni sforzo per abolire il Santo Sacrificio della Messa".

"Figlia Mia, prega senza sosta.
Non dormire e veglia con Me in queste ore buie in cui Satana guida e seduce la mente di molti, rendendoli capaci di distruggere l'umanità.
È un momento difficile.
Rimani a vegliare in Mia compagnia per i peccatori; tieniMi stretto nel tuo cuore e non sprecare questi preziosi attimi.
Non aver paura.
Sii sempre tranquilla: non lamentarti per il cataclisma generale di questa generazione.
Benedetti coloro che sono attratti solo dal Padre Eterno.
In questi tempi il diavolo fa uno sforzo supremo contro il Padre Eterno e la Mia presenza.
Sii perseverante nella preghiera e nella penitenza senza timore.
Io desidero che tutta l'umanità sia salvata.
Non temere di restare nelle condizioni mentali più favorevoli alla contemplazione.
È un compito che Io ti ho affidato.
Nel tuo cuore compirò molti segni".

"Questi tempi rappresentano le ore difficili in cui il diavolo fa ogni sforzo per abolire il Santo Sacrificio della Messa.
Prega ed espia, soprattutto nel Santo Sacrificio della Messa di riparazione.
Ti dico, in verità, è giunta l'ora che l'umanità si penta; si avvicina un cambiamento universale, come non è mai successo dall'inizio del mondo, e che mai si ripeterà.
Prega, prega per quelli che Mi deridono, Mi insultano, Mi condannano, e, più ancora che in passato, Mi calpestano al fine di abolire la Mia presenza nel Sacramento del Mio amore.
Desidero che essi siano salvati.
La Mia pietà è infinita.
Ecco perché sono venuto a chiamare i peccatori".

"Il Mio avvertimento è severo; non è un ordine di condanna per il mondo.
Al contrario, voglio salvare le anime, dando i Miei messaggi in varie parti del mondo.
È arrivato il momento di avvertire l'umanità per evitare una catastrofe.
Coloro che non vogliono approfittare della Mia pietà periranno nell'ultimo giorno.
Le sole cose che ancora possono portare salvezza sono la preghiera e la penitenza".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 47
6 dicembre 1987

"Ascolta, Io ho offerto tutto Me Stesso al Padre per voi. Cos'altro avrei potuto soffrire per l'umanità? I Miei Mi dimenticano e Mi disprezzano ogni giorno di più".

"Figlia Mia, prega molto.
Veglia con me, amore Mio.
Non Mi stanco mai di vegliare per l'umanità.
Prega, fai penitenza e medita sulle attuali condizioni del mondo.
Io desidero che la tua mente sia sempre contrita.
Evita troppe conversazioni, piuttosto recita le tue devote preghiere per placare la collera del Padre Eterno.
Presta attenzione alle Mie parole che infiammano il tuo cuore ed illuminano la tua mente".

"Ascolta la Mia voce.
Ho grandi progetti per te.
Per il bene delle anime.
Non preoccuparti.
Sii tranquilla.
Abbandonati a Me completamente.
Veglia con Me e prega.
Eleva le anime a Me.
Con pietà vedo i peccati del mondo ed imploro l'umanità di cambiare vita prima che sia troppo tardi!
L'umanità mi addolora sempre amaramente.
I Miei...operano instancabilmente per abolire la Mia presenza nel Santo Sacrificio della Messa".

"Ascolta.
Io ho offerto tutto Me Stesso al Padre per voi.
Cos'altro avrei potuto soffrire per l'umanità?
I Miei Mi dimenticano e Mi disprezzano ogni giorno di più...sono obbligato a camminare per le strade fra le percosse".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 48
Ore 2.30 del 7 dicembre 1987

"Il materialismo avanza da ogni lato con corruzione irrefrenabile ed ha spinto l'umanità verso uno spaventoso abisso di devastazione".

"Figlia Mia, prega molto.
Mi sento ferito perché gli uomini e i Miei...seguono la via della perdizione.
Il materialismo avanza da ogni lato con corruzione irrefrenabile ed ha spinto l'umanità verso uno spaventoso abisso di devastazione.
Immerso in una catena di scandali, il mondo è una palude di letame e fango.
Sarà alla mercé delle più dure prove della giustizia divina.
Fin da molto tempo fa ho avvertito l'umanità in molti modi, ma loro non ascoltano i Miei appelli e continuano sulla via della perdizione.
Il mondo non ha mai avuto tanto bisogno di preghiere e penitenza come in questi tragici momenti".

"Non perdere tempo.
Prega prima che sia troppo tardi, perché questi tempi sono peggiori di quelli del grande diluvio!
L'umanità offende gravemente il Mio Eterno Padre.
Scoppieranno molte rivoluzioni.
La Chiesa soffrirà molto, ma la punizione degli empi non tarderà e quel giorno sarà terribile e spaventoso.
La terra tremerà e tutta l'umanità sarà scossa.
Alla fine, il male perirà nel tremendo rigore della giustizia divina".

"Partecipa al Santo Sacrificio della Messa.
Espia e fai penitenza.
Voglio da te la completa obbedienza".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 49
8 dicembre 1987

"Vengo gravemente insultato nel Sacramento del Mio amore. Queste sono ore difficili in cui i Miei...assistono il Rosso Lucifero, operando instancabilmente per abolire il Santo Sacrificio della Messa".

"Figlia Mia, prega e fai penitenza.
AscoltaMi.
Questi sono avvertimenti dell'immensa pietà divina che nascono dall'angoscia del Mio cuore, perché voglio che tutti siano salvati e che nessuno venga condannato a causa della sua colpa, poiché nessuno va all'inferno senza il proprio consenso.
Il demonio è pronto ad ingannare le anime.
L'umanità vive nell'ostinazione del peccato, ma la collera del Mio Eterno Padre è vicina.
Un'amara ingratitudine ha ferito il Mio cuore.
Prega molto e non perdere del tempo prezioso.
La mia sinistra indica l'avvertimento e la mia destra indica il miracolo.
Io amo l'umanità!
Prega, fai penitenza, abbandonati senza pensare a cosa ti succederà!".

"Voglio che ascoltino la voce della Mia pietà e del Mio amore.
Nel Sacramento del Mio amore, Mi insultano gravemente.
Sono ore difficili in cui i Miei assistono il Rosso Lucifero, operando instancabilmente per abolire il Santo Sacramento della Messa".

"Mi girano a testa in giù.
Io guardo e con le lacrime nel cuore.
Veglia ed offriMi la tua compagnia.
È terribile.
Sono agonizzante per le mie anime!".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 50
Ore 2.00 dell'11 dicembre 1987

"I massoni Mi hanno gravemente insultato. Questa è l'ora buia in cui essi cercano di abolire la Mia presenza. Insultano anche il Mio Vangelo".

"Figlia Mia, sii paziente ed ascoltami.
Tu sai cosa ti chiedo: preghiere e penitenza.
Veglia e tieni esposto il Mio Divin Sacramento.
Queste sono ore difficili per Me, perché sono veramente tenebrose.
Satana opera con...per corromperli, instillando nelle loro menti che il Santo Sacrificio della Messa debba essere abolito.
Il diavolo è molto astuto".

"Che sofferenza per Me!
Stanco di vegliare sull'umanità giorno e notte, resto in attesa tra i veli sacramentali.
Io amo l'umanità e sono venuto a chiamarla.
Desidero che tutti gli uomini siano salvati.
Voglio che si rendano conto della terribile verità.
I massoni Mi hanno gravemente insultato.
Questa è l'ora buia in cui essi  cercano di abolire la Mia presenza.
Insultano anche il Mio Vangelo.
La loro malvagità è ripugnante!
Gridano "non vogliamo Cristo" e Mi girano a testa in giù.
Satana ha incatenato le loro anime".

"Figlia Mia, unisci il tuo cuore alle Mie lacrime.
ContemplaMi nel Mio Divin Sacramento.
Che grande dolore!
Come posso far capire loro che li amo?
Ecco perché Mi rendo visibile".

"I massoni stanno preparando la loro esecuzione con le loro stesse mani.
L'inferno li aspetta!
Prega molto e senza sosta.
Devi sempre essere ubbidiente, serena ed umile; sii pronta a tutto".

"Figlia Mia, fai attenzione a lui per il bene delle anime.
Il Padre Eterno vuole così.
Voglio che tu segua ciò che ti dico.
Ti ho preparata in tanti anni.
Prega.
Molto si deve ancora compiere: veglia con Me e tieni l'umanità racchiusa nel tuo cuore".

"Mi rendo visibile per mendicare preghiere e penitenza al fine di convertire le anime e portarle al pentimento.
Prega molto ed unisciti ad esse".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 51
12 dicembre 1987

"Attraverso i veli sacramentali guardo chi ha pietà di Me".

"Figlia Mia, veglia e prega.
ConservaMi nella luce.
Questa è la Mia difficile ora.
Insultato e deriso, rimango fermo nel Mio tabernacolo, frustrato e rivolto a testa in giù. Vengo inesorabilmente ferito dai Miei...
Attraverso i veli sacramentali guardo chi ha pietà di Me".

"Devo essere riposto in forma sacramentale nel tuo cuore.
Voglio rafforzarti e darti nuova luce.
Devi abbracciare l'umanità intera.
Devi essere forte in questa suprema prova di obbedienza e amore.
Tu preghi e fai penitenza.
EsponiMi alle anime.
I bestemmiatori, l'immagine dell'uomo attaccato alle cose del mondo, le azioni del suo spirito diabolico portano distruzione e rovina.
Prega.
Attraverso le preghiere attirerò l'attenzione di molte anime.
Ciò che Mi ferisce di più sono i Miei...che Mi tradiscono e Mi attaccano da ambo i lati.
Sono traditori che vanno alla perdizione. Dio, il Padre Eterno farà giustizia sopra tutte queste iniquità.
Guardatene! Sarà peggio di Babilonia.
Si avvicina il momento del giudizio.
Gli speculatori periranno, perché hanno bevuto il veleno dei Satana.
Si sono rivoltati contro il mio Eterno Padre.
Questa è l'ora dolorosa in cui si mettono ad operare per abolire il Mio Santo Sacrificio della Messa.
Si oppongono a Me.
Il Padre Dio Mi ha indicato la terra e Mi ha detto:
"questa è la terra!
In parte è malata.
Così pochi sono gli eletti!"
I buoni non pregano!
Molte nazioni spariranno dalla faccia della terra. Io, il Signore della rivelazione, ordino di assicurare a tutta l'umanità che Mi sto appellando alle loro coscienze".

"Prega, fai penitenza, riceviMi sempre.
Voglio che si pentano.
Molti non Mi ascoltano perché non sono consci della terribile realtà.
La Mia pietà è grande se si pentiranno!".
"Ti benedico".

Appello Divino n. 52
13 dicembre 1987

"Voglio che l'umanità si penta".

"Figlia Mia, veglia con Me.
Voglio che tu Mi accompagni.
Voglio che l'umanità sappia in che grave situazione si trova il mondo e capisca l'inesorabile giustizia di Dio. Voglio che si penta, altrimenti innumerevoli anime verranno scagliate nel fuoco eterno, insieme a Satana che instilla loro che il Mio Eterno Padre non esiste".

"Vengo attaccato da ogni lato nel Sacramento d'amore.
Verso lacrime per l'umanità come un mendicante.
Chiedo di essere consolato per il male che viene compiuto in Mia presenza".

"Guidata da...l'umanità corre verso il precipizio della perdizione".

"Prega molto.
Innalza le anime a Me.
Io desidero che l'umanità sia salvata.
Vengo ferito dai Miei stessi...
Come dei traditori, tradiscono la Mia presenza e trascinano le anime nell'abisso della perdizione".
"Ti benedico".
Created with WebSite X5
(c) 2012 Devis Dazzani
Privacy Policy
Torna ai contenuti