Amsterdam, Signora di tutti i Popoli 53° messaggio - 31 maggio 1957 - Profezie On Line

Logo
Vai ai contenuti
Apparizioni > Amsterdam > Le Apparizioni > Messaggi 1957
53° messaggio - 31 maggio 1957


Signore, sia fatta la tua volontà

Per questo giorno il mio direttore spirituale mi ha detto che non dovevo andare nella chiesa di S. Tommaso, né di mattino né di sera per la funzione, e che non potevo nemmeno telefonargli. Così, la mattina sono andata alla Santa Messa nella Chiesa della Pace. Improvvisamente, poco prima della Comunione, udii molto chiaramente la voce della Signora dire:
Oggi fa quello che ti dirò!
Mi spaventai e dissi tra me: “Devo obbedire a P. Frehe”. Tuttavia aggiunsi umilmente: “Signore, sia però fatta la tua volontà!”
In questo giorno dovevo partire con il treno. Come previsto andai alla stazione e presi posto nel vagone. Come di solito, cominciai a pregare il rosario. Improvvisamente fui scossa dalla voce della Signora che mi disse in tono di comando:
Torna indietro! Hai compiuto il tuo dovere”.
Prima di rendermene conto, ero già scesa dal treno ritrovandomi sulla banchina. Nello stesso momento il treno partì. Pensai: che cosa ho fatto? Non ho ubbidito. Ed ora? Improvvisamente la voce della Signora risuonò fortemente sulla banchina:
Alle tre nella cappella!
Suonò come un comando. Tornai allora a casa. Dato che P. Frehe non mi aveva proibito di andare in chiesa nel pomeriggio, andai nella chiesa di S. Tommaso. Dapprima non osavo entrare, ma poi è stato come se qualcuno mi spingesse, come se una specie di vento o una forza mi facesse entrare in chiesa.

L’ultimo messaggio in pubblico

Allorché entrai in chiesa, la gente recitava il rosario nella cappella. Mi sono unita alla loro preghiera restando in fondo alla chiesa. In seguito recitarono il Credo. Alle parole: “concepito per opera dello Spirito Santo” vidi apparire la luce all’altare della Madonna. La luce si spostò lentamente dall’altare della Madonna all’altare principale e a quello di S. Giuseppe, dove si fermò brevemente, e poi lungo il lato della chiesa fino alla cappella. Mi sembrava di vedere una figura librarsi nella luce. Mi alzai e mi avviai verso la cappella, in quanto mi sembrava che la Signora mi chiamasse. Allorché entrai nella cappella, la Signora emerse lentamente dalla luce e mi disse:
Recita la preghiera!
Lei stessa cominciò a recitare la preghiera con voce sommessa e devota, continuandola assieme a me. Alla fine la sentii dire “vostra Avvocata” invece di “nostra Avvocata”. Nello stesso momento chinò il capo e mi guardò intensamente. Ciò mi confuse le idee, tanto che tralasciai di dire “che una volta era Maria” e ripetei le sue parole: “vostra Avvocata”.
Poi la Signora disse:
Oggi sono venuta per annunciare in pubblico l’ultimo messaggio. Non temere nulla, figlia! È la Signora di tutti i Popoli che dice tutto questo”.
Si interruppe un attimo, poi aggiunse:
Hai agito bene”.

Prega per il dogma

Improvvisamente la Signora tracciò col pollice il segno della croce sulle labbra e disse:
Va dal Santo Padre e raccontagli tutto! Supplicalo di benedire la preghiera. Implora la proclamazione del dogma!
Allorché interiormente mi dissi: “Ah, Signora, come può dirmi questo! Lo sa che non potrò mai arrivarci”, la Signora mi rispose sommessamente:
Tramite il sacrista”.

Ubbidienza e libera volontà

Poi la Signora guardò tristemente davanti a sé e disse:
Ho voluto portare un messaggio importante e gioioso. Ho mostrato a tutti i popoli che tra ubbidienza e libera volontà, la libera volontà viene prima!

Il Paraclito

Ora voglio ancora dare una risposta a tutti quelli che ti hanno richiesto un segno”.
Dicendo ciò, la Signora mosse compassionevolmente il capo.
La Signora dice a tutte queste persone: i miei segni sono nelle mie parole. Gente di poca fede! Siete come un bimbo che chiede un fuoco d’artificio e tuttavia non vedete la vera luce e il vero fuoco”.
E la Signora sorrise compassionevolmente.
Voi cercate e cercate il para-questo e il para-quello. Anche riguardo a ciò la Signora di tutti i Popoli vi darà una risposta”.
E con una voce che echeggiò fortemente attraverso la chiesa, disse:
È il Paraclito che opera tutto”.
Non compresi il significato della parola “Paraclito” e cercai di segnalarlo alla Signora scuotendo il capo e alzando le spalle. Ella sorrise e fece un gesto attorno a sé. Vidi allora che era attorniata da molti ecclesiastici. Li indicò e disse:
Voi sapete cosa intende la Signora”.
Poi continuò:
Egli è il sale, Egli è l’acqua, Egli è la luce, Egli è la potenza di cui la Signora è irradiata. Procede dal Padre e dal Figlio. Con la sua potenza ha irradiato la Signora di tutti i Popoli, che può così elargirvi la grazia”.
Vidi una foschia avvolgere la Signora, come allorché parlò dello Spirito Santo.

I sacramenti

Divulga dunque la mia preghiera, la preghiera del Signore! Chiedi che il quadro possa tornare provvisoriamente qui. Figlia, non temere nulla! Io lo richiedo. Prega per il dogma.
E voi, popoli tutti, lasciatevi ricondurre al Signore, lasciatevi riportare ai vostri sacramenti per mano della Signora!
Accentuò la parola “sacramenti” e scosse il capo come se volesse riferirsi alla situazione attuale. Il suo viso aveva un’espressione singolare, che mi sembrò di completa disapprovazione. Disse:
A questo proposito vi comportate in modo molto strano. Io so, la Signora di tutti i Popoli sa ciò che questo tempo significa per i cristiani, ed è per questo che per dodici anni ho potuto venire a mettervi in guardia, per aiutarvi, per condurvi al Signore Gesù Cristo, per condurvi a Lui. Nel corso di quest’anno avete appreso come può essere grande la forza di Satana. Mediante l’intercessione della Signora di tutti i Popoli, sposa del Signore e regina del Re, che ora ha ottenuto questo titolo dal suo Signore, è stato possibile salvare ancora una volta il mondo”.
Così dicendo, la Signora alzò il dito ammonitore.

Il Cielo

Popoli, prestate ascolto a tutto quello che ho detto! Vale veramente la pena di lasciare il mondo”.
Ebbi l’impressione che la Signora intendeva ciò nel doppio senso.
Voi dovete pur tutti venire in Cielo”.
La Signora pronunciò queste parole molto distintamente e con fermezza. Fu come se mi togliesse un velo, e mi trovai trasportata in uno stato particolare, celestiale, soprannaturale. Vidi qualcosa di straordinario, che non posso descrivere. Era come se il cielo si fosse aperto, era così bello.
Siete stati redenti tutti dal Signore! Voi che siete dispersi, ritornate. La Signora vi attende...
qui la Signora aprì le braccia come se volesse accogliere gli uomini,
…vi aiuterà, vi ricondurrà”.

Il celibato

Nuovamente la Signora fece col pollice il segno della croce sulle labbra e disse:
Va dal Santo Padre e riferiscigli che ho detto: ora è venuto il tempo in cui il dogma può essere proclamato. Tornerò in forma privata per la Chiesa e per i sacerdoti nel tempo che stabilirà il Signore. Dì che il celibato è in pericolo dall’interno! Il Santo Padre, malgrado tutto, deve però mantenerlo”.
Mentre scuotevo il capo e dicevo che non avrei osato, la Signora disse un po’ rabbuiata:
Ti ordino di dirlo!”
Allora feci cenno di sì col capo. Quindi la Signora disse:
Se fanno ciò che ho detto, assisterò i popoli, ciascuno individualmente, anche i più primitivi, e potrò portare la vera pace”.
Questo la Signora lo disse molto energicamente.

Un assaggio della vita eterna

Poi, mentre guardava davanti a sé con espressione celestiale, la Signora disse:
Prima che il Signore Gesù Cristo morisse, prima che il Signore Gesù Cristo ascendesse al Padre, prima che il Signore Gesù Cristo apparisse nel mondo, venisse di nuovo tra gli uomini...
sembrava che dicesse questo per maggiore chiarimento, dato che avevo scosso la testa, non avendo compreso,
… vi diede il grande mistero, il grande miracolo di ogni giorno, di ogni ora, di ogni minuto. Egli diede sé stesso. No, popoli, non un pensiero!
Qui la Signora scosse fortemente il capo.
No, popoli, ascoltate quello che ha detto - non un pensiero, ma sé stesso, sotto la specie di un pezzetto di pane, sotto la specie di vino. Così il Signore vuole venire a voi tutti i giorni. Prendetelo dunque, fatelo dunque! Egli vi dà l’assaggio, l’assaggio della vita eterna”.
Poi tolse nuovamente il velo dai miei occhi e mi ritrovai in quello stesso stato celestiale.
Popoli, questo è quanto la Signora, la Corredentrice, Mediatrice e Avvocata, ha voluto dirvi oggi pubblicamente per l’ultima volta”.
Poi vidi la Signora allontanarsi lentamente
Created with WebSite X5
(c) 2012 Devis Dazzani
Privacy Policy
Torna ai contenuti