Amsterdam, Signora di tutti i Popoli 22° messaggio - 27 maggio 1950 - Profezie On Line

Logo
Vai ai contenuti
Apparizioni > Amsterdam > Le Apparizioni > Messaggi 1950
22° messaggio - 27 maggio 1950


Lavorare nello spirituale

Vedo la Signora. Guarda nelle sue mani e dice:
Figlia, vedo sempre ancora mani vuote. Ti chiedo di comunicare che è veramente mia ferma intenzione di formare tra quella schiera un gruppo che voglia e faccia il bene. Ascolta attentamente: si spende molto tempo per cose materiali; fa che si prenda il tempo anche per le cose spirituali. È urgentemente necessario. Quanto desidero che questo gruppo di persone lo comprenda. Ti ripeto: i cattolici devono lavorare duramente. Incombe un grande pericolo. L’Italia va incontro a una sorta di duello”.
La Signora mi mostra nuovamente la basilica di San Pietro e dice:
Vi sono anche altri movimenti che stanno operando in questo modo per realizzare qualcosa di grandioso”.

Germania

In Germania devono lavorare sodo. Fortunatamente si è ricominciato ad operare di più e meglio tra i fedeli. Ma ciò è ben lungi dall’essere sufficiente. Soprattutto la Germania deve essere molto vigile. Stanno giocandole un brutto tiro”.

La gioventù

Attorno alla Signora vedo un foltissimo gruppo di giovani. Lei li guarda e li indica. Poi dice:
Figlia mia, che comincino a ricondurre i giovani al giusto comportamento religioso. Ciò è faticoso e difficile per coloro che vi si vogliono impegnare. Tuttavia non lo solleciterò mai abbastanza. Non c’è tempo da perdere, occorre cominciare adesso”.

Il primo e più importante comandamento

Ora la Signora traccia con la mano una specie di arco e dice:
È per più tardi”.
Non so cosa possa significare. Poi la Signora dice:
Vedrai che soltanto dopo molta miseria e molte calamità sarà nuovamente innalzata la croce. Lascia che ciascuno faccia la sua parte, che faccia ciò che può. E così richiamo di nuovo il primo e più importante comandamento: l’amore, l’amore verso il prossimo”.
E poi la Signora è improvvisamente sparita.
Created with WebSite X5
(c) 2012 Devis Dazzani
Privacy Policy
Torna ai contenuti